Categoria
Home > Posts tagged "cassazione lavoro"

Legittime le dimissioni per fatti concludenti

Con Sentenza n. 25583 del 10 ottobre 2019 la Suprema Corte, Sez. Lavoro, ha ritenuto la validità delle dimissioni del lavoratore che, in assenza di una formale comunicazione, le rassegni per fatti concludenti, ossia con un comportamento tale da rivelare la scelta indiscutibile del prestatore di recedere dal rapporto. IL FATTO

Obbligo solidale del committente per i contributi omessi anche se il contratto vieta il ricorso al subappalto

Con Sentenza n. 27382 del 25 ottobre 2019 la Suprema Corte, Sez. Lavoro, ha ritenuto che nell’ambito di un appalto, l’obbligo in via solidale del committente per i contributi non versati in relazione alle prestazioni rese dai lavoratori impiegati dal subappaltatore sussiste anche se nel contratto era stato convenuto il

Sulle condizioni di legittimità del lavoro intermittente

Con Sentenza n. 29423 del 13 novembre 2019, la Suprema Corte di Cassazione, Sez. Lavoro, ha affermato l’illegittimità del divieto previsto nella contrattazione collettiva in merito all'utilizzo del c.d. lavoro intermittente, atteso che le sono le parti sociali ad individuare le esigenze che giustificano il ricorso a tale istituto. IL FATTO -

Valido il licenziamento irrogato da soggetto sprovvisto del potere di rappresentanza se successivamente ratificato

Con Sentenza n. 28496 del 06 novembre 2019, la Suprema Corte di Cassazione, Sez. Lavoro, ha affermato che il licenziamento irrogato da un soggetto sprovvisto del potere di rappresentanza della società è pienamente valido se successivamente ratificato dai competenti organi societari. IL FATTO- Un lavoratore impugnava giudizialmente il licenziamento per giusta causa

Licenziamento illegittimo se comporta la violazione della quota di riserva (categorie protette)

Con la Sentenza n. 26029 del 15 ottobre 2019 la Suprema Corte di Cassazione, Sez. Lavoro, ha statuito sull'illegittimità del licenziamento irrogato ad un lavoratore occupato obbligatoriamente nell’ambito di una procedura collettiva, quando tale licenziamento comporti la violazione della quota di riserva. IL FATTO -  Un lavoratore assunto ai sensi della normativa sul collocamento

Top
css.php