fbpx
Categoria
Home > News

Pubblico impiego: sulla sospensione del procedimento disciplinare in pendenza di quello penale

Con Sentenza n. 10224 del 28 maggio 2020 la Suprema Corte di Cassazione, Sez. Lavoro, ha chiarito che è legittima la scelta della P.a. di riattivare un procedimento disciplinare, dapprima sospeso, anche prima della definizione del processo penale con pronuncia irrevocabile. IL FATTO- La Corte di Appello, decidendo sul reclamo proposto da

Furto in azienda: il licenziamento è legittimo anche se i beni sottratti sono di valore esiguo

Con Sentenza n. 11005 del 9 giugno 2020, la Suprema Corte di Cassazione, Sez. lavoro, ha affermato che l'ipotesi di furto in azienda è idonea a ledere il vincolo fiduciario e a legittimare il licenziamento del lavoratore, indipendentemente dall'esiguo valore dei beni sottratti. IL FATTO- La Corte d'Appello di Roma confermava la decisione del Tribunale

Pubblico impiego: in caso di dichiarazioni mendaci è legittima la risoluzione del contratto e l’esclusione dalla graduatoria

Con Sentenza n. 10854 dell'8 giugno 2020, la Suprema Corte di Cassazione, Sez. lavoro, ha affermato che in caso di dichiarazioni mendaci in merito ad una condanna penale è legittima la risoluzione immediata del contratto di lavoro  in corso e il depennamento dalle graduatorie di Istituto IL FATTO- La Corte d'Appello confermava la

Sul principio di proporzionalità della sanzione disciplinare

Con Sentenza n. 9479 del 22 maggio 2020, la Suprema Corte di Cassazione, Sez. Lavoro, ha affermato che il recesso irrogato ad un lavoratore per una condotta di insubordinazione durante uno sciopero deve considerarsi illegittimo in quanto sproporzionato. IL FATTO- Un casellante impugnava innanzi al Tribunale competente il licenziamento che gli

Patto di prova per lavoratori assunti o trasferiti all’estero: è nullo se di durata maggiore rispetto a quella prevista dal contratto collettivo.

Con Ordinanza n. 9789 del 26 maggio 2020 la Suprema Corte di Cassazione, Sez. Lavoro, ha affermato che in caso di assunzione o trasferimento all'estero di lavoratori  è nulla la clausola contrattuale che preveda una durata del patto di  maggiore rispetto a quella massima prevista dal contratto collettivo applicabile al rapporto lavorativo. IL

Top
css.php