Accademia di Belle Arti di Lecce: la replica del prof. Delli Santi e la teoria dell’ “autoreferenzialita”

In riferimento ad un post pubblicato di recente su questo blog ed intitolato “Il comparto AFAM ed i protocolli magici“, il Prof. Claudio Delli Santi (Direttore dell’Accademia di Belle Arti di Lecce) ha inviato all’O.S. Unams, la nota di replica che di seguito si allega, chiedendone la pronta pubblicazione.

Orbene, sia consentito innanzitutto notiziare il Prof. Delli Santi del fatto che la predetta O.S. non ha nulla a che vedere con l’articolo a cui Egli intenderebbe replicare dal momento che esso è stato pubblicato sul sito www.lavoroediritto.it che, com’è noto, non è altro che il mio blog personale.

Tanto chiarito, contenendo la replica del Prof. Delli Santi passaggi potenzialmente lesivi dell’onore e della dignità di un mio assistito (che, immagino, tutelerà i propri diritti ed interessi in ogni Sede giudiziaria), sono costretto a pubblicarla emendata in parte qua.

Ciò  premesso, il sottoscritto prende atto delle giustificazioni rese dal Prof. Delli Santi e si permette di rilevare quanto segue.

Il «redattore dell’atto amministrativo» cui il Prof. Delli Santi fa menzione al terzo capoverso della propria replica, sembrerebbe essere proprio il mesemimo Prof. Delli Santi, firmatario della “incriminata” nota prot. 3308/FP. Parlare in terza persona di se stessi….mah, ci lascia alquanto perplessi!

Inoltre, quello che francamente si stenta a comprendere, è per quale arcana ragione ci si periti di avventurarsi in argomentazioni, che si comentano da sè, alla luce delle quali al difensore che venga a  conoscenza di circostanze poco chiare dovrebbe competere l’onere di richiedere “informazioni” all’Amministrazione (propria controparte!), dimostrando, in caso contrario, «poca attenzione nei confronti della normativa amministrativistica»!

Orbene, stimatissimo Prof. Delli Santi, potrebbe chiarire ad un umile avvocaticchio quale sarebbe, in ipotesi, la «normativa amministrativistica» a cui si sarebbe prestata poca attenzione?

Da ultimo, sia consentita una precisazione sul tema della “autoreferenzialità”, tanto caro al Direttore dell’Accademia di Belle Arti di Lecce.

Se, come Lei afferma, LavoroeDiritto.it è un blog autoreferenziale, per quale arcano motivo impiega il Suo preziosissimo tempo per replicare? Perchè si abbassa a tale livello, Lei che, immaginiamo, ha ben altro uditorio?

Avv. Giuseppe Leotta

Replica Prof. Claudio Delli Santi

I commenti sono chiusi.