Categoria
Home > Editoriali

Una via contrattuale al salario minimo legale (di Roberta Bortone)

In un articolo apparso sul Fatto Quotidiano del 4 settembre scorso, Piergiovanni Alleva difende l’idea di introdurre per legge un salario orario minimo di 9 Euro lordi, soprattutto rispondendo a quanti affermano che i lavoratori delle categorie i cui contratti collettivi prevedono retribuzioni inferiori, sarebbero spinti ad agire in giudizio

Scuola, educazione civica e diritto del lavoro (di Giuseppe Leotta)

In data 20 agosto è stata promulgata (e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale) la Legge n. 92/2019 con cui è stato reintrodotto l'insegnamento obbligatorio dell'educazione civica nella Scuola (primaria e secondaria). Si tratta, a parere di chi scrive, di un provvedimento senz'altro positivo. Un segnale importante che delinea un passaggio di evidente

Retribuzione minima e salario minimo legale (di Roberta Bortone)

In questi giorni la politica discute della possibile introduzione di un salario minimo legale, cioè della definizione per legge di una retribuzione oraria minima per qualsiasi lavoratore dipendente. In realtà per definire la retribuzione minima sarebbe sufficiente continuare ad applicare l’art. 36 della Costituzione, intervenendo solo per stabilire le caratteristiche della rappresentatività richieste ai sindacati per ottenere l’efficacia generale delle clausole retributive.

Sì al sostegno del reddito per chi cerca lavoro. Ma attenzione! (di Roberta Bortone)

Il Decreto-legge che introduce il Reddito di cittadinanza lo presenta come misura di sostegno al reddito di quanti, esclusi dagli ammortizzatori sociali e in condizione di povertà, dimostrino di essere alla ricerca di un lavoro. Ma le difficoltà applicative sul versante dei servizi per l’impiego rischiano di trasformarlo in una semplice misura assistenziale di contrasto alla povertà.

Fine anno e fine legislatura (di Roberta Bortone)

È difficile fare un bilancio dei cinque anni di questa legislatura. Sul versante del diritto del lavoro molto è stato segnato dal c.d. Jobs Act: auspicato da alcuni e strenuamente contrastato e contestato da altri, non pare aver prodotto né grandi effetti positivi né notevoli danni. La legislatura si chiude comunque con un bilancio positivo grazie agli interventi in tema di diritti civili.

Cambio di anno senza cambio di passo (di Roberta Bortone)

L'anno scorso di questi tempi provavo a tracciare un bilancio delle novità intervenute nel 2012 in materia di lavoro. Ora, invece, preferisco chiudere il 2013 con qualche considerazione sulle  prospettive in tema di lavoro per il nuovo anno, perché un bilancio di quello che sta terminando sarebbe solo un ripetere di pensieri

Vicissitudini previdenziali di una disabile (di Roberta Bortone)

Racconto una vicenda individuale perché mi sembra significativa di situazioni più generali. Una disabile - la chiamerò Paola - dipendente da una pubblica amministrazione romana, viene dichiarata inabile a qualunque attività lavorativa dalla commissione medica e di conseguenza la sua amministrazione la dichiara cessata dal servizio: era proprio quello che Paola

Top
css.php